I Premio letterario per la scuola dell’infanzia Mitico Castagno, l’albero che parla di pace

La scuola dell’infanzia del IV C.D. di Paternò ha partecipato al “I Premio letterario per la scuola dell’infanzia Mitico Castagno, l’albero che parla di pace.”, promoso da RetEtna Polo di Giarre , meritandosi una menzione speciale “per aver rivalutato l’antica arte del cantastorie” .

 

 

 “U castagnu da paci”

Per gli alunni di 5 anni delle sez. B e D della Scuola Dell’Infanzia, partecipare al progetto promosso da RetEtna “Il mitico castagno- L’albero che parla di pace”- I° Premio Letterario per la scuola dell’infanzia 2009- ha costituito non solo una irrinunciabile occasione di crescita cognitiva ed emozionale, ma anche motivo di orgoglio e gratificazione per aver ricevuto, nell’ambito della manifestazione finale dell’11 giugno presso lo storico castagno sito in S.Alfio, una menzione particolare per “..aver rivalutato l’antica arte del cantastorie.”
In un’atmosfera festosa, accompagnati dai genitori, dalle loro insegnanti  Agata Rizzo e Francesca Caccamo e dal Dirigente Scolastico, prof.ssa Agata Vittorio, una piccola delegazione dei bambini partecipanti al progetto ha ricevuto con emozione l’ambito riconoscimento.

La prof.ssa Vittorio dichiara con soddisfazione: “E’ stato particolarmente gratificante per la scuola partecipare ad un concorso letterario promosso da RetEtna, polo di Giarre, in un’area, quindi, al di là del nostro territorio e aggiudicarci una menzione speciale. Per noi partecipare è stato un po’ un salto nel buio, un impegno che ha visto coinvolti bambini, insegnanti e anche i genitori che oggi ci hanno accompagnato e devo dire che tale impegno è stato riconosciuto e premiato .”

I 26  bambini e bambine hanno inventato la storia U castagnu da paci”  su un canovaccio i cui personaggi essenziali sono stati il “Castagno dei Cento Cavalli”, la regina Giovanna d’Aragona e i cento cavalieri. Il contesto, naturalmente, la piccola cittadina di S. Alfio e il suo territorio.

Nel corso dell’anno scolastico i bambini, grazie ad una gita scolastica, avevano avuto modo di visitare  “Il Castagno dei Cento cavalli” e conoscere la leggenda della regina Giovanna D’Aragona e ciò li ha aiutati senz’altro a calarsi meglio nel leggendario contesto proposto, nel “posto incantato” visitato.
Stimolati a rivisitare la storia, gli alunni hanno dato spazio a tutta la loro fantasia inventando nuove situazioni e personaggi, senza però, tradire l’originale matrice del racconto: la pace tra i popoli.

La storia è stata rappresentata graficamente realizzando personaggi e contesti con varie tecniche creative e utilizzando diverse tipologie di materiali.
L’iconografia delle varie scene, si è ispirata ai cartelloni a scacchiera degli antichi cantastorie siciliani; ogni scena, come da tradizione, è stata racchiusa in un quatrittinu numerato.

‘Na storia cuntata sullo sfondo del magnifico “Castagno dei Cento Cavalli” è stato un fantastico viaggio nel passato, dove i bambini si sono divertiti a sperimentare situazioni inusuali, quali il ruolo di cuntastorii e l’uso del dialetto.

Ma la cosa più importante è stato il grande messaggio di pace che è scaturito dal racconto, un messaggio che ha tenuto conto di valori basilari quali l’accettazione del diverso e la fratellanza.
R.A.

 

 

 

 

Advertisements

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...